Ambienti a misura di bambino


La sfida di oggi per i #30giornidimontessori è quella di ricreare un ambiente all'interno della casa a misura di bambino e di condividerlo con noi mamme sulla pagina Facebook Mini Factory o sulla Bacheca Pinterest "30 giorni di Montessori - la sfida".
La frase montessoriana "aiutiamoli a far da soli" è sicuramente il concetto più importante e da tenere bene a mente quando vogliamo creare un ambiente "toddler friendly" ovvero a misura di quella categoria di bambini che va dai 15/18 mesi fino ai 3 anni. Questo aiuterà il bambino a raggiungere la propria indipendenza in modo naturale e in tutta sicurezza.
Ci sono tantissime cose che si possono fare per rendere l'ambiente montessoriano, come ad esempio optare per scaffali e librerie basse dove riporre attività in vassoi e cestini ma anche mettere a disposizione utensili reali adatti ai più piccoli per incoraggiare le attività di vita pratica, della cura di sé, dell'ambiente, di controllo del movimento, di grazie e cortesia.

Kitchen Corner (Photo from Peaceful Parenting) 
Montessori Toddler Closet (Photo from Vibrant Wanderings)
Nei giorni precedenti abbiamo visto come un bagno possa diventare bambino friendly (qui) e come il momento di uscire sia un esercizio di vita pratica capace di affinare la coordinazione dei più piccoli, esercizio pratico verso l'indipendenza (qui).
Ma la cura di sé passa anche attraverso la camera, dove un armadio con dei cestini ed un bastone per le grucce posizionato nella parte più bassa può diventare più pratico e a portata di bambino.
Inoltre un letto basso rende più autonomo il bambino nel rispondere ad un bisogno naturale come quello del riposo.
Altro bisogno naturale è quello del rispondere all'appetito. Ecco perché una cucina dovrebbe essere il più accessibile ad un bambino, non solo per quanto riguarda il poter reperire oggetti da utilizzare nelle attività di pratica quotidiana ma soprattutto per rendere indipendente il momento della merenda (sia essa di mattina o di pomeriggio). Quando abbiamo fame, noi adulti ci rechiamo al frigorifero e scegliamo lo spuntino che più ci aggrada. Dare ai più piccoli la stessa possibilità dovrebbe essere un atto naturale, l'importante è scegliere dei cibi sani ed in base alla propria dieta (vegana, vegetariana, onnivora...) e metterli a loro disposizione in un posto facile da raggiungere.
Inoltre, apparecchiare la tavola oltre ad essere un grande aiuto per noi mamme, è sicuramente un'attività in puro stile montessoriano. E per fare tutto questo non serve molto, basta davvero poco!

Foto http://studyathomemama.ca/
Tuttavia, a prescindere dal luogo e dallo spazio che si ha a disposizione per ogni stanza, ricordatevi sempre che per loro è importante avere libero accesso agli strumenti, in modo da sviluppare il più semplicemente possibile ed in modo del tutto naturale il loro bisogno di indipendenza.

Ed ora, condividete con noi i vostri luoghi e spazi sulla pagina Facebook Mini Factory o sulla Bacheca Pinterest "30 giorni di Montessori - la sfida" così da ispirare le mamme che ancora non hanno avuto il tempo di rendere l'ambiente stimolante in stile montessoriano.

Ecco la nostra casa a  misura di bambino  (o almeno, ci proviamo)!

LA CAMERETTA

Niente lettino basso per noi, perché da quando è nato abbiamo sempre condiviso la camera, prima praticando bed-sharing direttamente nel lettone ed ora, lo facciamo lo stesso ma con un side-bed handmade, ovvero unendo il suo letto al nostro!
Ma abbiamo reso la sua camera adatta ai suoi due anni e alle sue più grandi passioni: la musica e la lettura.
La zona musica comprende non solo strumenti musicali ma uno stereo facile da usare e libri sonori. Inoltre abbiamo trovato giusta locazione ai giochi in legno ed agli oggetti per le attività manuali.
Inizialmente, quando era più piccolo, quest'angolo era interamente dedicato alla lettura (leggi qui il post) ma crescendo sono cresciuti i libri e le sue passioni si sono implementate così da dover rivedere gli spazi. Consiglio pertanto di arredare e realizzare spazi facilmente trasformabili, capaci di modificarsi e di cambiare con il crescere del bambino.
Ecco che nasce così un nuovo angolo lettura dove può leggere comodamente i suoi libri preferiti e nel quale rilassarsi, una scrivania semplice ma fornita di fogli e colori per dar libero sfogo alla fantasia, ed un angolo travestimenti con tanto di specchio ed accessori contenuti dentro una vecchia scarpiera!
Infine un tavolino con una casetta in legno (sopra) ed alcuni scatole contenenti pista dei trenini e macchinine completa la camera.
Per quanto riguarda l'atto del vestirsi, abbiamo optato per una cassettiera, soluzione ideale a mio avviso, mentre nell'armadio sono presenti nella parte bassa gli indumenti ed accessori di uso quotidiano, a differenza della parte superiore dove sono stati messi gli indumenti difficili da indossare in autonomia.





LA CUCINA

Piatti, bicchieri, posate a portata di mano, con tanto di piccolo vassoio dello spuntino.
Ho scelto di riservare un cassetto basso della cucina alle sue stoviglie per aiutarmi nell'apparecchiare la tavola per i pasti ma anche agli snack così da poter assecondare il suo bisogno naturale di appetito e di sete, durante la mattinata od il pomeriggio.
Ho inoltre inserito la sua piccola cucina in questa stanza, proprio per invitarlo al gioco simbolico del cucinare! Preparare insieme dolci e manicaretti è divertente ma a volte quando si ha da cucinare il pranzo o la cena è bello vederlo intrattenersi nello sfornare una pizza o nel tagliare un frutto nel suo spazio!




LA SALA

Anche se molto piccolo, sono riuscita a realizzare un angolino per Checco, nel quale poter giocare quando magari ci concediamo un buon libro (qualche riga, non vi illudete, eh!) o facciamo due chiacchiere tra genitori. Macchinine e costruzioni come parte integrante dell'arredamento salottiero!



IL BAGNO

Ne abbiamo già parlato nel post "Prendersi cura di se stessi" che puoi leggere qui.



 L'INGRESSO

Anche in questo caso abbiamo parlato dell'importanza del preparasi all'uscita da casa nel post "Prepararsi all'uscita - Montessori Style" che puoi leggere qui.





0 commenti:

Posta un commento