Apprendere giocando - 0-24 mesi

Eccoci arrivati alla seconda parte della sfida #30giornidimontessori dedicata interamente alle attività adatte ai bambini da 0 a 3 anni.
Per essere precisi ed offrire massima condivisione in modo specifico questa sfida si dividerà in giorni e fasce d'età. 12-13-14 Marzo attività per bambini 0-1, 16-17-18 bambini 1-2 anni, 19-20-21 bambini 2-3 anni.
Per questa sfida è richiesta la massima partecipazione in quanto per alcune attività (0-1 anni e 3 anni) userò inizialmente immagini di repertorio che andrò ad implementare man mano che voi condividerete le vostre. Condividete con noi i link ai post e le immagini sulla pagina Facebook di Mini Factory oppure solo le immagini sulla bacheca Pinterest(aggiungete il mio profilo, seguite la bacheca ed accettate la mia richiesta di partecipazione pinterestiana). 


0-24 mesi.

Primi mesi (fino a 5mesi)
I primi mesi di vita dei bambini sono dedicati interamente alla scoperta di quello che li circonda attraverso un'intensa attività visiva. Intorno ai 2-5 mesi (prima la vista deve focalizzarsi e stabilizzarsi) è bene fornire stimoli visivi di oggetti reali che si muovono nell'aria o nell'acqua. Inizialmente sarà in grado di calciare tali oggetti poi gradualmente imparerà ad afferrarli fino a provocare un suono dato dallo sbattere degli oggetti tra loro. Questi stimoli dovrebbero essere sempre offerti ai bambini così piccoli e non andrebbero mai interrotti nel momento di svolgimento di tale attività.
   
     Linguaggio
Per quanto riguarda il linguaggio, un genitore dovrebbe usare un tono di voce gentile e dovrebbe parlare correttamente così da trasmettere al proprio figlio  non solo rispetto in quanto essere umano ma anche perché egli è in piena fase di apprendimento, quella che poi più avanti si trasformerà nella sua parola. Un esercizio fondamentale da fare dai 5 mesi in poi è la descrizione delle azioni che si compiono come ad esempio "ti sto allacciando il bottone della camicia".

    Udito
La stimolazione uditiva può avvenire attraverso la musica, basterà posizionare uno stereo portatile o uno smartphone in luoghi differenzi della stanza per stimolare il riconoscimento acustico direzionale. Vedrete con quanta soddisfazione il bambino troverà guardandosi intorno da dove proviene la musica! Inoltre non è mai troppo presto per regalargli un set di strumenti reali perché è importante che il bambino sappia da subito che la musica è reale e avviene attraverso l'azione dell'uomo. Un tamburello può essere già impugnato, o i tasti di un pianoforte (se lo si ha) possono essere suonati. Questo lo aiuta ad avere da subito un contatto reale con il vero, con la realtà. 

   Livello motorio
A livello motorio intorno ai 4 mesi si può riservare qualche momento della giornata ad esercitare le fasce muscolari della schiena, delle braccia e del collo mettendo il bambino prono stimolandolo ad alzare la testa.
Sempre intorno ai 4 mesi si può esercitare la presa attraverso un'attività molto semplice, quella della presa di un oggetto. Tirare e mollare la corda di un carillon oppure passare al bambino un oggetto da una mano all'altra. Se non interrotto questo esercizio può durare a lungo, fino a quando il bambino deciderà di farlo durare.
Sempre dai 5 mesi è possibile creare un tappeto sensoriale attraverso il quale il bambino possa esplorare i diversi materiali e consistenze ma se non lo si ha si può sempre optare per il tappeto di sala, grazie al quale entrerà comunque in contatto con materiali e sensazioni differenti (il freddo del tappeto, il morbido del tappeto, le frange...).
4-5 mesi questa fase passa allo step successivo: la scoperta attraverso l'assaggiare, il toccare ed il gattonare. Tutto quello che si deve fare ora è rendere l'ambiente il più sicuro possibile e capace di dare la giusta libertà di movimento a questa nuova figura attiva della casa.

dai 6 mesi ai 12.
Quando il bambino sarà in grado di stare seduto si possono offrire al bambino oggetti in legno di dimensioni grandi, come una scatola dove inserire al suo interno degli oggetti. Gradualmente si potrà introdurre il cestino dei tesori, dove inserire materiali differenti ed oggetti reali per stimolare la manipolazione e la scoperta di nuove parole.
Il passo successivo sarà quello di provare a mettersi in piedi, pertanto offrire appoggi per tirarsi in piedi, oppure mettere uno specchio basso per fargli vedere i movimenti che il suo corpo fa, può rendere ulteriormente stimolante questa fase. Si può inoltre usare un carrellino (ikea o simili) che aiuti il bambino ad esercitare in tutta sicurezza la camminata.
Infine, intorno ai mesi conclusivi dell'anno la manipolazione degli oggetti riveste sempre più un ruolo importante nella  vita del bambino e sebbene tutto quello di cui abbiamo bisogno lo abbiamo in casa, ci sono comunque giochi in legno che stimolano la concentrazione e la precisione che in questa fase non dovrebbero mancare.

dai 12 mesi in poi
Benvenuti nell'era delle pratiche quotidiane! Inutile ribadire il concetto (puoi leggere il post qui), dai 12 mesi in poi è tutta una scoperta, una stimolazione sensoriale e psichica.
Dall'uscire, all'aiutare in casa, passando per tutte quelle attività che si possono fare usando cestini, vassoi ed oggetti reali.
E' infatti in questo periodo che lo sviluppo oculo-manuale e la capacità di concentrazione sono in continuo sviluppo, è così possibile fornire flash card da usare come gioco delle coppie (ad ogni disegno si fa corrispondere un oggetto) oppure si può sviluppare la manualità attraverso le forme geometriche (casette forme-buchi) ma anche grazie a pannelli che forniscono chiusure, zip, lucchetti ecc.
Infine, ricordate che non c'è attività migliore del ballare e del leggere, pertanto in questa fase andrebbe dedicata una parte importante anche a queste due attività.

A questo punto tocca a voi! Fino al 14 Marzo compreso, condividete con noi i link ai post e le immagini sulla pagina Facebook di Mini Factory oppure solo le immagini sulla bacheca Pinterest


Fonte: http://michaelolaf.net/ &  Susan Mayclin Stephenson, Montessori AMI Assistant to Infancy




0 commenti:

Posta un commento