Apprendere giocando - 2 anni


Arrivano i due anni, e con loro inizia una nuova fase di crescita emotiva, sensoriale e motoria. 
Si sviluppa il gioco simbolico (ne abbiamo parlato qui) che in termini montessoriani si trasforma in attività pratiche di vita quotidiana, d'altronde perché "far finta di" quando si può "fare per davvero"?
Il tempo dedicato al gioco si allunga e visto che il linguaggio in questo periodo subisce un vero e proprio boom, ecco che le parole ed i discorsi iniziano a prender parte delle attività ludiche.
Inoltre le capacità motorie si sono potenziate e diventano tema importante al quale va dedicata giusta attenzione con esercizi ad hoc. Le abilità manuali si affinano e le capacità manipolative e costruttive migliorano e permettono di costruire torri, di impilare piccoli cubi, di avere più precisione con i travasi e di divertirsi con i puzzle.
Con Checco siamo in piena fase duenne ed in casa abbiamo cercato di offrire a turnazione tutti i giochi che ha a disposizione, sia per mantenere sempre alto il suo interesse verso di essi che perché altrimenti non avremmo spazio per camminare!
Sicurezza e qualità sono al primo posto nella scelta dei giochi che spesso vengono realizzati in casa da me personalmente ed a volte, grazie all'aiuto dello stesso Checco.
Come abbiamo già visto, gli spazi ben organizzati e suddivisi per tipologia di attività sono da preferire non solo in questa fase ma sempre (per approfondire leggi qui).
A giochi comunemente reperibili e mainstream come quelli presenti nella lista che trovate qui sotto (fonte ICQ GLOBAL/), vanno aggiunte tutte quelle attività montessoriane che spaziano dai travasi, dedite alla coordinazione, alle schede delle nomenclature per sviluppare ed esercitare il linguaggio e la conoscenza.
  • Giocattoli “didattici” tipo piani sagomati, anelli da infilare, giocattoli a vite, recipienti di dimensioni diverse da inserire uno nell’altro, torri, cubi, semplici giocattoli elettrici per l’apprendimento della capacità di associare forme, immagini, colori.
  • Puzzles composti da 10- 12 pezzi
  • Tricicli sul quale il bambino pedala, giocattoli elettrici che si muovono lentamente; scivoli e altalene di dimensioni e struttura adeguata ove disponibile un giardino.
  • Materiale per colorare, disegnare, e costruire: carta e plastilina, una materia che si mantiene malleabile ed è pronta ad essere manipolata in qualsiasi momento; semplici libri da colorare
  • Giocattoli attraverso i quali i bambini possono sperimentare i diversi giochi di ruolo: piattini  e pentoline, carrelli della spesa, passeggini da utilizzare per trasportare le bambole; camion e macchine; attrezzi per il giardinaggio; registratori di cassa
  • Bambole e o pupazzi con semplici dettagli
  • Trenini o altri set con semplici rotaie 
  • Set composti da un numero ridotto di pezzi per la creazione di contesti ludici quali fattorie degli animali, aeroporti, garages.
  • Strumenti musicali es. trombette, chitarre, xilofono.
  • Casette rigide o tende che possono essere costruite in giardino all’interno delle quali i bambini possono entrare e giocare.
Ed allora, da oggi fino al 18 Marzo compreso, la sfida per i #30giornidimontessori è quella di condividere le attività montessoriane che svolgete con i vostri duenni!
Potete farlo postando i vostri link e le immagini sulla pagina Facebook di Mini Factory oppure solo le immagini sulla bacheca Pinterest 


0 commenti:

Posta un commento