Cup Race - La corsa dei bicchieri

Pronti a sfidarvi a suon di pistole ad acqua e bicchieri?
Ecco la corsa più pazza (e bagnata) del mondo che non vi farà sudare molto ed affinerà le vostre capacità di precisione. 

Bicchieri di carta, qualcosa per forarli, pistole ad acqua, uno spago e forse del nastro adesivo, ecco di cosa avrai bisogno per realizzare l'attività di oggi dei #30giornidiestate da praticare all'aria aperta come ad esempio un terrazzo, un balcone, un giardino, il parco, la spiaggia, eccetera, eccetera, eccetera!
Un gioco non solo divertente ma anche di precisione, utile ad allenare le capacità motorie e di coordinazione.



Età attività: 24 mesi in su
Livello difficoltà realizzazione: basso

Materiale occorrente:
- Bicchieri di carta
- Spago
- Pistole ad acqua
- Qualcosa per forare i bicchieri
- Nastro adesivo (opzionale)


Preparazione del gioco e regole:
Pratica un buco al centro sulla base del bicchiere, un po' più largo rispetto alla circonferenza dello spago. Infila lo spago al suo interno, assicurandoti che il bicchiere scorra facilmente lungo di esso e annoda o fissa con il nastro adesivo gli estremi dello spago su di un muro o su una sedia così da avere un filo steso da un estremo all'altro (io l'ho legato a due sedie).


Prendi la pistola ad acqua ed usala per far muovere i bicchieri lungo lo spago.
A questo punto tutto è pronto e puoi dare il via alla gara!!!!!!!!!
Oltre ad essere un gioco divertente è anche un buon esercizio di precisione in quanto il bambino più sarà preciso nel centrare l'interno del bicchiere tanto più andrà lontano e meno acqua sprecherà.



Si può giocare da soli oppure mettere in pratica una vera e propria gara insieme agli amici!  In  quest'ultimo caso andranno distribuite le pistole ad acqua ad ogni bambino e costruito il filo con il bicchiere per ogni partecipante.
In entrambi i casi la pistola ad acqua andrà riempita una sola volta a partita e mi raccomando mantenete sempre una certa distanza, non come qualcuno qui sotto a cui piace vincere facile :P







0 commenti:

Posta un commento