Le favole della buonanotte


Come vi ho già accennato sulla pagina facebook, sabato sera è arrivato nella factory un libro molto discusso online ed offline intitolato "Il coniglio che voleva addormentarsi" (per saperne di più clicca qui).
Alcuni di voi lo conosceranno sicuramente, per tutti quelli che ancora non sanno di cosa stiamo parlando ecco una breve descrizione.
Il libro (noiosissimo) narra la storia di un coniglio che non riesce ad addormentarsi e che va alla ricerca del Mago Sbadiglio, l'unico capace tramite una polverina magica di farlo dormire. Nel tragitto incontra alcuni personaggi che gli suggeriscono delle tattiche differenti per sentire sonno e, tramite una lettura guidata dall'autore (spiegate all'inizio del libro) e l'interazione diretta con il bambino ascoltatore/protagonista, dovrebbe portare il tanto ricercato "abbraccio di Morfeo".


Al di là dello scetticismo  che può provocare, perché parliamoci chiaro, anche a me è venuto subito il pensiero "Mamma mia, ipnotizzare un bambino per addormentarlo, che modo orribile" e giù di commenti del tipo "eh ma poi si perde il momento magico ed intimo che precede il sonno notturno" e tutte le menate che ne conseguono, quando me lo sono ritrovato tra le mani con tanto di "magari ti aiuta a togliergli la tetta per dormire" (come se fosse un problema, per chi poi non ho ben capito), mi son detta che forse si poteva provare, che in fondo non c'era nulla di male.
E così, dopo il nostro momento gioco e dopo aver letto i suoi tre libri preferiti è arrivato il momento del coniglio Caaa (sbadiglio) millo (naturalmente con tanto di tetta in bocca, sia chiaro!).
Il libro usa tecniche psicologiche e positive tipiche della meditazione yoga, che per tanti anni ho frequentato, specie durante la preparazione pre-parto e che ammetto di essermi state utili durante i momenti di stress vissuti nella mia vita.
Il libro, come dicevo prima, è noiosissimo, così noioso che dopo il primo giorno, nel quale devo ammettere di aver avuto un riscontro positivo (non so se merito anche della giornata iperattiva) ho iniziato a provare un senso di ansia mista a rifiuto nel leggerlo. L'atmosfera c'era, il libro è stato letto come il giorno precedente, ed anche se controvoglia ho eseguito la lettura in modo propositivo e piacevole (anni di teatro e di animazione nei villaggi Alpitour a qualcosa sono serviti a quanto pare) ma questa volta è stato un vero disastro. La lettura è stata interrotta dal rifiuto categorico alle parole "vuoi addormentarti, ora" con tanto di sputo della tetta e sottolineatura con tono di voce deciso "Non voglio dormire", "no Checco non dorme" e così è stato. Infatti la serata è proseguita con la lettura di altri libri, alternati a momenti di pipì e di distrazioni varie come "voglio la camomilla" peraltro mai presa di sera (bah)...
L'esperimento è andato avanti altre 3 volte per un totale di 5 giorni. Direi che 4 flop vs. 1 è un risultato lapalissiano.
E come biasimarlo, quel libro è tremendamente noioso, così noioso che è capace di scaturire l'effetto contrario!!!
Ecco così che nasce questo "mini progetto" intitolato #lefavoledellabuonanotte e visto che alcune di voi hanno condiviso nella pagina facebook del riccio la stessa esperienza "negativa" della riuscita del libro, mi son detta che forse, un modo giusto per addormentare i bambini in modo rilassante, piacevole per genitore-bambino/i c'è e che la routine legata all'ora della favola serale ed il libro speciale che ognuno di noi ha può essere condiviso con tutti gli altri.
Una sorta di aiuto tra mamme, papà e bambini per vivere serenamente il momento della nanna dei propri figli e magari, uscirne "svegli" una volta addormentato il bambino (no perché io ormai crollo nel sonno profondo alle 22 insieme a mio figlio e sarebbe bello magari dedicarmi un'ora di film e pop corn con mio marito, eh).
Quindi mamme, papà, nonni, zii e tate, sulla pagina facebook ma anche qui nei commenti attendo di sapere qual è la vostra routine serale e dil vostro libro "magico" della buonanotte, magari postando anche una foto ad hoc!
Ogni titolo e foto arricchirà la lista qui sotto alla quale tutti potranno rivolgersi per trovare finalmente il proprio "Coniglio che voleva addormentarsi" ma che funzioni sul serio e che non sia treee (sbadiglio) mendaaaa (sbadiglio) mente noioso!!!!

LE FAVOLE DELLA BUONANOTTE
1.

0 commenti:

Posta un commento