Il palloncino frizzante


Per #langolodellascienza oggi sveleremo il mistero che gira in rete riguardo al come sostituire l'elio per far volare i palloncini in casa con bicarbonato ed aceto.
L'esperimento di per sé nasce per dimostrare ai bambini come dall'unione di un corpo solido come il bicarbonato di sodio ed un corpo liquido come l'aceto possa crearsi un corpo gassoso ovvero l'anidride carbonica (CO2) ma dato l'interesse riscontrato in rete, sveleremo anche l'arcana veridicità dei palloncini fluttuanti senza elio.

L'esperimento è adatto a bambini sopra i 5 anni ma anche quelli più piccoli come il mio treenne si divertiranno un sacco nel vedere come una bottiglia sia capace di gonfiare da sola un palloncino!!!

Di che cosa abbiamo bisogno per questo esperimento:




- Una bottiglia di plastica vuota, lavata e ben asciugata
- Aceto di vino bianco
- Bicarbonato di sodio
- Palloncini
- 2 imbuti

Come procedere

  • Mettere mezzo bicchiere di aceto nella bottiglia e due cucchiaini di bicarbonato dentro il palloncino sgonfio (aiutati con i due imbuti, uno per procedimento perché entrambi devono essere puliti nel momento del travaso)
  • Stando attenti a non far scivolare il contenuto del palloncino subito nella bottiglia, inclinatela e inserite il becco  dentro al palloncino
  • Mettete in verticale la bottiglia e dal palloncino scenderà nell'aceto il bicarbonato di sodio contenuto

A questo punto potete osservare la reazione chimica! Dall'unione di aceto e bicarbonato di sodio si ottiene un prodotto gassoso: l'anidride carbonica che si propaga verso l'alto e riempie tutto lo spazio all'interno del palloncino. Quando tale reazione sarà terminata (e la schiuma tenderà a riabbassarsi) staccate il palloncino e chiudetelo.



La trasformazione dei due agenti ha prodotto un gas che ha permesso di gonfiare il palloncino! Abbiamo dimostrato quindi che oltre alle classiche pompette o al fiato, è possibile gonfiare palloncini usando questo metodo da scienziati!
Questo è ciò che volevamo dimostrare con questo esperimento.


>> Ora possiamo andare oltre ma senza la controprova di un vero scienziato, le seguenti annotazioni sono solo ipotesi personali tratte da principianti dediti alla scienza solo per passione. <<

In giro per internet si trovano tutorial e post che spiegano come sostituire l'elio con qualcosa di più economico fatto in casa e ciò che viene consigliato è proprio il procedimento appena svolto.
Ahimè l''anidride carbonica pesa di più rispetto all'elio pertanto i palloncini gonfiati con questo metodo non possono volare come fanno quelli ad elio.

Non avendo una bombola ad elio con noi possiamo però trarne una deduzione attraverso la comparazione tra palloncino gonfiato con l'anidride carbonica (creata grazie all'esperimento) e palloncino gonfiato a fiato (composto da anidride carbonica, ossigeno ed azoto - per saperne di più clicca qui). Il risultato dimostra che il palloncino con anidride carbonica pesa di più rispetto a quello gonfiato a bocca.

Da qui possiamo asserire che: dato che un palloncino gonfiato a bocca pesa di più rispetto ad uno gonfiato ad elio, il palloncino gonfiato con anidride carbonica pesando di più rispetto a quello gonfiato a fiato pesa ancora di più rispetto a quello gonfiato ad elio. Pertanto con l'esperimento svolto oggi nell'angolo dello scienziato non è possibile realizzare palloncini che fluttuano nell'aria!
Palloncino Fiato > Palloncino Elio
Palloncino Fiato < Palloncino Anidride carbonica
Palloncino Anidride Carbonica < Palloncino Elio

video

Attenzione però: le nostri dosi sono state 1/2 bicchiere di aceto e due cucchiaini di bicarbonato. Pur riducendo od aumentando la dose di bicarbonato di sodio, nella Mini Factory i palloncini non hanno preso il volo. Se tra voi lettori c'è qualche scienziato che vuole confutare i risultati ottenuti oppure qualcuno che è riuscito a gonfiare i palloncini con questo esperimento e che conosce le dosi esatte per ottenerlo è pregato di lasciare un commento qui sotto!
Saremo ben lieti di ribaltare completamente quanto appena asserito!


0 commenti:

Posta un commento